fbpx

LINK BUILDING

È noto che l’importanza dei link per un posizionamento favorevole su Google sia elevatissima.

LINK BUILDING

È noto che l’importanza dei link per un posizionamento favorevole su Google sia elevatissima.

 

Si crede erroneamente che l’acquisizione di collegamenti ipertestuali possa indurre a comportamenti inadeguati o addirittura scorretti, mettendo in difficoltà l’algoritmo dei motori di ricerca. 

Nonostante ciò, capire la natura e le funzionalità della Link Building è un punto chiave per chiunque intenda ottimizzare la propria strategia SEO. Dunque, nel tentativo di illustrare meglio questo concetto, ecco un valido riepilogo di questa disciplina, in modo da facilitare una gestione più produttiva di un’intera strategia di Link Building.

Cos’è la Link Building

Dal punto di vista puramente linguistico, la Link Building è il processo di creazione di una rete di connessioni tra una pagina web e altre. I link costituiscono l’ossatura di Internet, e per i motori di ricerca che esplorano questo vasto universo digitale, possono essere visti come percorsi privilegiati.

La Link Building è probabilmente l’attività più conosciuta all’interno della SEO offpage e si distingue dalla cosiddetta Link Earning per la modalità con cui si acquisiscono i backlink:

  • nella Link Earning, i collegamenti e le citazioni si ottengono in maniera organica, grazie al valore e alla rilevanza dei contenuti pubblicati, senza un intervento diretto sul sito che ospita;
  • invece, la Link Building richiede uno sforzo attivo per persuadere il sito a inserire il link, che di solito si trova all’interno di un articolo specificamente creato (noto come guest post, a sottolineare il fatto che viene ospitato su un sito terzo).

Tuttavia, è necessario avere una notevole abilità nel definire strategie per una Link Building efficiente e organica, e forse senza falsa modestia possiamo dire che il nostro impegno quotidiano in questo campo con la nostra agenzia Estensa, per più di venti anni ci ha permesso di acquisire una notevole esperienza pratica e di seguire tutte le evoluzioni nell’approccio alla Link Building e nelle valutazioni che Google fa in merito, circa la SEO in generale. Non ci proponiamo come detentori di una qualche verità assoluta, ma intendiamo solo condividere un po’ della nostra visione, delle nostre tattiche e dei nostri suggerimenti su come redigere un articolo e costruire una strategia per una Link Building efficiente e naturale.

Come fare Link Building

Nel suo significato più recente, la Link Building rappresenta l’azione tattica mirata a incrementare il numero di link entranti a un sito web, incrementando così la sua autorità agli occhi del motore di ricerca. Oltre al volume dei link, Google può analizzare la loro origine, la loro qualità, la loro tipologia, la loro pertinenza, la loro rilevanza e vari altri aspetti legati al link e al sito che lo trasmette, influenzando il suo impatto sul posizionamento.

 

Se ben condotta, la Link Building è probabilmente l’azione più potente per posizionare pagine e parole chiave in settori altamente competitivi e densamente popolati, dove la sola SEO onpage non basta a fare la differenza. Ma può diventare anche un serio inconveniente se realizzata in modo improprio, poiché Google vigila attentamente sulla creazione di profili backlink non naturali, quelli dove si rileva un’intervento forzato e manipolatorio, volto unicamente al miglioramento del posizionamento.

Un efficace svolgimento di questa attività può basarsi su due presupposti fondamentali:

  • la campagna di Link Building deve essere progettata con obiettivi a medio e lungo termine;
  • collocare un link è semplice, ma non è altrettanto semplice fare LB in maniera strategica.

Abbiamo scelto il termine “collocare” per sottolineare come non sia sufficiente un link ricevuto per chi vuole rinforzare il suo sito in maniera sostenibile e sa che i frutti dei suoi sforzi si vedranno nel tempo.

La Link Building non si limita a ricevere link comprando spazi su siti, ma è proprio una strategia che deve essere basata su analisi e ricerche, e una campagna può avere successo solo se nasce da una pianificazione oculata e mirata, ne è un esempio pratico la creazione di una valida anchor strategy, ossia la distribuzione degli anchor text (le parole che effettivamente contengono il link alla pagina target) all’interno dei vari siti ospitanti i guestpost.

Outreach

L’outreach può sembrare un compito arduo e potenzialmente privo di grandi gratificazioni, ma diventa decisamente più produttivo se si dispone degli strumenti appropriati.

 Nel caso in cui desiderassi acquisire un backlink da un determinato sito web, che ritieni possa incrementare l’autorità del tuo sito o della tua pagina, è molto probabile che dovrai interfacciarti direttamente con il gestore del sito web in questione.

Tuttavia, prima di avviare una serie di richieste di backlink a varie entità online, ricorda alcuni aspetti fondamentali:

  • a seconda della strategia, dovrai considerare che i link che solleciti dovrebbero provenire da siti web attinenti al tuo settore specifico oppure provenire da siti generalisti;
  • considera la reputazione e le prestazioni del sito web da cui desideri ottenere il link

Per le attività di Outreach è importante stendere un messaggio di posta elettronica ben strutturato prima di iniziare a metterti in contatto con i gestori dei siti.

Link Manuali

La Link Building manuale si basa sull’implementazione di link da parte tua, che si tratti di lasciare un commento su un blog, di pubblicare un guest post su un altro sito o di rilasciare un comunicato stampa.

Quando inserisci personalmente i link, in genere hai la piena gestione dell’esito della strategia, a differenza di quando dipendi da un giornalista o da un terzo per ottenere un link al tuo sito.

Per questo motivo, tali metodi sono spesso chiamati “Link Building manuale”. Ricorda, però, che i link su cui hai pieno controllo tendono a non essere di altissima qualità.

Secondo Google, tutti i link che non sono inseriti in via editoriale sono considerati manipolatori. È possibile inserire manualmente link editoriali con l’obiettivo del posizionamento, ma è fondamentale evitare di spammarli o aggiungerli senza criterio.

Proprio per questo motivo, non c’è motivo di temere l’aggiunta manuale di link purché questa sia eseguita in modo riflessivo.

Questo approccio alla Link Building può portare benefici concreti per ciò che riguarda l’incremento del traffico. Può anche aiutarti a consolidare il tuo brand interagendo con gli utenti del tuo settore.

Tuttavia, l’aggiunta di link da sola non ti fornirà un vantaggio competitivo notevole e in modo diretto. Come nel caso delle altre tecniche di growth, una strategia basata sulla Link Building tradizionale può essere facilmente replicata dai concorrenti.

Link Earning (o quasi)

Per acquisire un reale vantaggio competitivo attraverso i link, è necessario mettere in atto una strategia che ti consenta di ottenere link editoriali.

La conquista di link comporta un impegno significativo ma garantisce la più grande ricompensa. Quindi, aspettati di investire tempo e risorse per raggiungere questo obiettivo. In questo modo, otterrai link che i tuoi concorrenti troveranno difficile da duplicare.

E non dimentichiamo che Google, da anni, nelle sue linee guida per i webmaster, afferma che: il metodo più efficace per incoraggiare altri siti a creare link di alta qualità e pertinenti verso il tuo sito consiste nel produrre contenuti unici e rilevanti che possono acquisire notorietà in modo naturale all’interno della comunità Internet, successivamente andare a sollecitare gli altri siti web affinché notino i tuoi contenuti.

Come valutare un link di qualità

Praticamente tutti i motori di ricerca impiegano i link come indicatore primario all’interno dei loro processi di ricerca.

Tuttavia, non è vero che più link = classificazione più alta, ovvero, non è automatico che un numero elevato di backlink che un sito ottiene si traduca in una posizione migliore nei risultati di ricerca.

Nel corso degli anni, numerose persone hanno cercato di trarre in inganno gli algoritmi di ricerca di Google. Di contro, Google migliora continuamente la rilevanza e la qualità dei risultati di ricerca, identificando nuove metodologie per ridurre il rumore e posizionare i risultati più aderenti e validi (il “rumore” è costituito da tutti quei risultati che non rispondono a un’intenzione di ricerca e occupano semplicemente posizioni nei risultati di ricerca).

Ad ogni aggiornamento algoritmico, Google affina la sua capacità di interpretare i link e il loro vero valore. In particolare, utilizza l’apprendimento automatico per perfezionare il suo processo e valutazione.

Nell’elaborazione di un profilo di link di valore, ogni esperto SEO deve porsi la domanda “questo link è utile ora e continuerà a fornire valore nel futuro?”. La risposta dovrebbe essere (quasi sempre) affermativa. Esistono diversi metodi per creare collegamenti validi che avranno un impatto positivo duraturo sul tuo sito web.

Dal nostro punto di vista, valutiamo quattro metriche fondamentali per stabilire la qualità di un link:

  • Pertinenza e rilevanza
  • Fattore umano
  • Credibilità e autorevolezza del sito web
  • Aspetti tecnici

Pertinenza e rilevanza

Google fa spesso riferimento a questo concetto. Nel tentativo di rispondere alle intenzioni e ai bisogni degli utenti, il compito di ogni esperto SEO dovrebbe essere quello di integrare link correlati, cioè tematicamente allineati, o idealmente sullo stesso argomento. Per farla breve? I link dovrebbero puntare a siti web che hanno un collegamento logico e semantico con il sito web di origine. Anche se va precisato che è possibile ovviare a questa dinamica, in caso di poca reperibilità sul mercato di link strettamente di settore, con approcci molto tecnici che permettano di linkare un sito web praticamente da qualsiasi fonte.

Quindi, un link pertinente è un link rilevante.

La seconda domanda che devi farti è “questo link è pertinente al contesto di una frase, all’intera pagina, o all’intero dominio?”. La risposta a questa domanda ti guiderà nella decisione su cosa collegare: quale pagina, immagine, video, contenuto testuale, e così via.

Fattore umano

I link di alta qualità arricchiscono il web perché migliorano l’esperienza dell’utente. Ci assicuriamo che ogni link che inseriamo sia vantaggioso per:

  • il sito che ottiene il backlink,
  • la platea di lettori,
  • il sito che integra il link.

Se ci impegniamo nella creazione di link che offrano valore a tutte le parti coinvolte, allora stiamo contribuendo a rendere il web un luogo migliore, potenziando nel contempo la posizione dei siti web dei nostri clienti.

Credibilità e autorevolezza

L’essenza dell’algoritmo PageRank originale si basava sull’autorità e sulla fiducia, nozioni astratte che venivano rese tangibili attraverso un approccio statistico e probabilistico. In sintesi, l’idea era questa: più backlink il tuo sito riceve, maggiore sarà la sua credibilità agli occhi del motore di ricerca e di conseguenza, migliore sarà la sua posizione. Questo perché Google vede i link come un indicatore di autorità e affidabilità.

Tuttavia, con l’avanzamento delle tecnologie, questi due parametri hanno subito cambiamenti significativi, pur rimanendo largamente in linea con i concetti originali: accumulare più link migliora il tuo posizionamento, ma solo se questi link provengono da siti web affidabili. Ma cosa significa credibilità oggi?

Allora, quali sono i criteri più affidabili per determinare credibilità e autorevolezza?

Un sito web può essere considerato autorevole e affidabile se:

  • è online da molto tempo,
  • pubblica regolarmente,
  • il brand è forte, ha una solida reputazione o è in crescita,
  • gli utenti non lasciano il sito immediatamente dopo averlo visitato,
  • gli utenti esplorano diverse pagine del sito in cerca di informazioni,
  • i contenuti sono unici, aggiungono valore e forniscono risposte chiare,
  • l’organizzazione del sito facilita l’accesso alle informazioni.

Esistono strumenti che possono aiutare a valutare l’autorità di un sito web attraverso indicatori specifici:

  • Trust & Citation Flow di Majestic, due indicatori molto usati e sicuramente affidabili.
  • Domain Authority di Moz, uno degli indicatori più comunemente utilizzati nel mondo SEO.
  • Authority Score di Semrush, che valuta direttamente quanto un sito web è ben posizionato su Google.
  • Domain Rating di aHrefs, il parametro più utilizzato dai link builder puro.

L’uso combinato di tutte queste metriche, insieme alla nostra esperienza e competenza come consulenti SEO, assicura la creazione di link di valore per tutti i siti dei nostri clienti.

Aspetti tecnici

Nel nostro lavoro di specialisti SEO, i dettagli tecnici occupano una posizione prioritaria nelle nostre analisi. Questo non implica che ogni esame sia governato esclusivamente da aspetti tecnici, bensì che essi siano fondamentali nella determinazione della praticabilità di un progetto.

È importante evitare tutti quei link che potrebbero avere un valore in termini di miglioramento del posizionamento di un sito nei risultati di ricerca, ma che non rispondono adeguatamente alle nostre altre metriche.

Da questa prospettiva, è fondamentale notare che, in alcune occasioni, anche i siti di valore inferiore (quelli con valori metrici relativamente bassi) avranno un ruolo significativo in una strategia di Link Building. Questo perché è essenziale costruire profili il più possibile realistici ed è improbabile che un sito web possa ottenere solo link di alta qualità in modo naturale.

Riguardo alle considerazioni tecniche, è fondamentale prendere in considerazione, quando si inserisce un link esterno in un guest post o in un articolo, i seguenti elementi:

  • la “crawlability” dell’intero sito web,
  • lo stato dell’indicizzazione,
  • gli attributi del link (nofollow e altri),
  • l’anchor text,
  • la posizione del link,
  • gli elementi non legati alla pagina,

Ogni link che creiamo viene minuziosamente esaminato sia dal punto di vista contestuale che da quello squisitamente tecnico.

Valutare il successo di una strategia di Link Building

Fissarsi sul quantitativo grezzo di link generati non è una mossa saggia, in quanto può portare a sacrificare la qualità. Dovresti inoltre utilizzare le analisi comparative con i concorrenti per individuare la differenza in termini di link tra te e gli altri attori nel tuo settore, assicurandoti di creare i giusti link che migliorano la tua posizione.

Tuttavia, quando si esaminano le misure, sarebbe opportuno prendere in esame uno o più dei seguenti fattori:

  • Parametri dei tool: tra quelli nominati poco sopra, valutano la qualità globale di un sito web e possono aiutarti a capire l’influenza di un backlink proveniente da un determinato sito. Se un sito web ha un basso punteggio di autorità, il link potrebbe non essere così vantaggioso.
  • Proporzione tra link follow e nofollow: è normale osservare una varietà di tipi di link nel tuo profilo backlink, ma di solito, più link follow hai, tanto meglio. I link follow trasmettono un segnale a Google che conferisce autorità al tuo sito.
  • Rilevanza tematica: i tuoi backlink provengono da fonti strettamente connesse al tuo settore? O quantomeno sono inseriti in categorie e paragrafi altamente connessi.
  • Domini di riferimento unici: acquisire backlink da diversi siti di alta qualità è più vantaggioso che ricevere più backlink da un solo dominio, anche se di alta qualità.
  • Link tossici: se Semrush ha etichettato alcuni dei tuoi backlink come “tossici”, non ti preoccupare, Google è abbastanza astuto da ignorarli, a condizione che tu non abbia aderito a uno schema di costruzione di link tipico di una PBN sfacciata. In ogni caso, questi link non avranno alcun impatto (a meno che tu non abbia esagerato).
  • Potresti anche considerare obiettivi come la visibilità del brand, le attività di Digital PR, il traffico di riferimento e altro ancora. Si tratta di monitorare gli elementi più significativi per la tua impresa.

Quanto costa la Link Building

A una delle domande più attese diamo una risposta altrettanto scontata: dipende!

Una strategia di Link Building non è un elemento preconfezionato da fornire chiavi in mano al cliente. Per quanto l’intero processo ideativo e applicativo sia demandato a noi e il cliente beneficerà soltanto dei vantaggi dati dal posizionamento organico su Google successivo alla nostra Link Building, andranno attentamente valutati molteplici fattori come:

  • settore e tipologia di business,
  • budget e tempo a disposizione,
  • obiettivi di breve e lungo termine,
  • competizione sulle parole chiavi,
  • partecipazione del cliente,
  • verifica e pre-approvazione dei contenuti,
  • attività di Digital PR o Link Building pura.

Pertanto, fornire un preventivo di massima è alquanto impossibile, in quanto va da sé che il posizionamento di un sito web di una pasticceria, specialmente se condotto come attività local, sia molto differente dal posizionamento di un sito web in ambito gaming o di un e-commerce in un settore altamente competitivo come l’elettronica.

Se vuoi migliorare le performance del tuo brand contattaci per una consulenza preliminare. Compila il seguente form, un nostro consulente ti contatterà entro 24 ore dalla richiesta: